Inscriviti adesso gratuitamente

8 modi per conoscere la differenza tra BDSM e abuso

SDC Dott. Jaime M Grant BDSM Terapia sessuale Rapporti sanitari Abuso Scambio di potere
SDC Dott. Jaime M Grant BDSM Terapia sessuale Rapporti sanitari Abuso Scambio di potere
Se non puoi essere te stesso, se è impossibile sollevare e risolvere seri problemi nella relazione, se stai perdendo le tue amicizie, hai perso la strada e stai leggendo ossessivamente quegli elenchi di "segni di abuso", questo articolo non è solo per te, riguarda te. E ti meriti molto meglio. Onestamente. Tu fai.

Sono diventato maggiorenne in un momento in cui la cultura femminista lesbica era in pieno boom: festival musicali, librerie per donne e progetti politici femministi lesbici stavano spuntando ovunque. E uno dei presupposti più dannosi e fallaci di quell'epoca era che le donne erano intrinsecamente non violente, che le relazioni lesbiche offrivano un rifugio dagli abusi, che semplicemente perché le nostre partnership e progetti erano fondati da donne, stavamo creando spazi rivoluzionari.

Le mie illusioni furono annientate quando gestii un programma di violenza domestica alla fine degli anni '80 nella Pennsylvania centrale rurale. Essendo una delle poche lavoratrici di rifugi per centinaia di miglia, ero una calamita per le lesbiche che soffrivano di violenza emotiva, fisica e sessuale nelle loro relazioni. Ed erano molte. Sopravvivere a questa era - e sostenere queste donne devastate attraverso un sistema che le considerava inutili - ha infranto ogni fantasia che avevo sulla "superiorità" di qualsiasi genere, e per quella materia, qualsiasi configurazione di relazione, qualsiasi progetto politico, qualsiasi persona.

Entra nella mia vita nelle comunità BDSM. Negli anni '90 ho scoperto il mio lato masochista interiore e un mondo di Dom e papà. Negli ultimi due decenni, ho avuto la fortuna di trovare Dominanti abili in grado di soddisfare i miei desideri più profondi creando scambi sessuali trasformativi e catartici. A volte per anni. Quindi, proprio come il mio lavoro negli anni '80 come una lesbica fuori in una cultura virulentemente omofoba, ho trascorso gran parte degli anni '90 denigrando pubblicamente lo stigma e prendendo di mira le comunità BDSM. Come sopravvissuto alla violenza, ho scritto e parlato il più spesso possibile sui paradossi di guarigione integrati nelle pratiche BDSM.

Quindi, lo incornico dopo aver sperimentato un amore e una guarigione tremendi nelle relazioni BDSM e con grande amore e rispetto: le comunità BDSM sono violente come una qualsiasi delle nostre comunità. Siamo violenti quanto le femministe lesbiche politiche. Violeneo come la vaniglia, eterosessuali coniugali monogami. Siamo violenti come i cristiani evangelici (che alcuni di noi sono). Nonostante tutte le fantastiche innovazioni che la cultura BDSM offre a qualsiasi partecipante - valori di onestà e apertura, una mancanza di giudizio sui desideri di qualcuno, una storia di costruzione di conversazione e pratica sulla negoziazione, il consenso e il rispetto - ci sono quelli all'interno delle comunità BDSM che prenderà tutti questi magnifici valori e pratiche e li deformerà per i loro fini distruttivi.

Per alcuni di noi, la nostra esperienza con apertura e negoziazione salutare segnerà questi imbroglioni all'inizio del processo di conoscenza. Per altri, questi incantatori supereranno tutti i nostri ostacoli di test e di impostazione dei limiti e si agganceranno ad alcune delle nostre vulnerabilità più definitive prima di riconoscere il terreno pericoloso in cui ci troviamo.

Una volta ho detto che avere a che fare con lesbiche violente con altre lesbiche mi ha spezzato il cuore come nient'altro. Ma trovarmi su un terreno offensivo con un curioso Dominatore a cui avevo offerto le chiavi stesse delle camere più tenere del mio spirito - mi ci è voluto molto più tempo per riprendermi. Forse perché l'abuso è avvenuto più tardi nella vita, quando ero completamente formato, un veterano del movimento anti-violenza, un professionista rispettato. Ma in realtà penso che le profonde fessure del nostro ferimento che il BDSM comporta - questi sono territori sacri. Essere abusati da qualcuno che abbiamo invitato lì è straordinariamente dannoso.

L'abuso può accadere ovunque. Chiunque può attingere al linguaggio e ai rituali di bellissimi progetti rivoluzionari e trasformarli per i loro scopi più bassi e degradanti. Come possiamo proteggerci? Come possiamo dirlo? Sfortunatamente, non esiste una formula singolare per la prevenzione della violenza, ma presenterò le mie intuizioni, essendo emerse dall'abisso. Offro questi avvertimenti per me stesso come chiunque altro.


1. Come parlano delle relazioni BDSM passate?


Buoni segni: sono auto-riflessivi e autocritici riguardo alle loro precedenti esperienze e relazioni. Rimangono curiosi, aperti e riflessivi.

Cattivi segni: sono convinti che i loro ex siano tutti "pazzi". Non si assumono la responsabilità per qualsiasi cosa possano aver fatto e si descrivono invece come vittime. Non hanno autoanalisi o critica di se stessi in situazioni difficili.


2. È DAVVERO OK impostare limiti?


Buoni segni: sono eccitati quando si usa una parola sicura, mai delusi. Riconoscono che invocare una parola sicura non riguarda loro, le loro capacità o i loro desideri. Riguarda le tue esigenze e i tuoi desideri ed è accolto come uno sviluppo positivo.

Cattivi segni: il contrario. Sei sottilmente o meno sottilmente spinto a compiere atti che non ti piacciono davvero e sei scoraggiato dal declino o dall'uso di una parola sicura come parte della tua "crescita" o formazione del BDSM . Chi abusa può farti credere che non sei un buon "top" se non ti piacciono determinate pratiche o non ti senti a tuo agio nel portare determinate attività a un certo livello. Le cime abusive possono fare lo stesso.


3. I tuoi limiti sono VERAMENTE rispettati?


Buoni segni: un ottimo partner BDSM ascolterà dove sono i tuoi limiti e cosa vuoi esplorare e troverà il modo di condurti in quel territorio da qualunque posizione si trovino, in alto, in basso o altrove. Avranno sentito tutti i modi in cui hai parlato del perché questo vantaggio è interessante e forse spaventoso o difficile. Giocheranno con quel vantaggio e ti accetteranno davvero.

Dall'altra parte dell'azione, che sia andata bene o che tu abbia deciso che questo non è un vantaggio con cui vuoi giocare ancora, ti sentirai rispettato, amato e curato.

Cattivi segni: un pericoloso giocatore BDSM ha maggiori probabilità di portarti prematuramente a questo limite, per provare qualcosa di se stesso. E una volta lì, possono svolgere una serie di atti o rituali che hanno funzionato per loro prima, risultando nel non essere pienamente presenti a te o alla tua esperienza. Avrai la sensazione che qualcosa non va, ma forse non sarai in grado di metterlo al dito perché ci sono state molte negoziazioni. Finisci per pensare che il problema sei tu.


4. Stanno minando la tua autostima?


Il mio grande dominatore lo ha fatto prima essendo ossessivamente caldo per il mio corpo e poi trovando tutto "sbagliato" e ritirandosi sessualmente. In seguito trovò molte cose "sbagliate" nel modo in cui socializzavo, mi escludeva dalla sua vita sociale, mi mancava di rispetto in pubblico più di una volta e mi faceva diventare piccolo, sempre più piccolo.


5. Privilegiano i dominanti e pensano che i sottomessi siano inferiori o deboli?


Buoni segni: hanno riverenza per il tuo servizio. Eseguono azioni riconoscenti e ponderate sulla scia della tua spettacolare sottomissione.

Cattivi segni: manca il riconoscimento dei tuoi doni sottomessi. La persona passa da elaborate manifestazioni o eventi che hai organizzato come fondo senza commenti o apprezzamenti. Trovi commenti sui fondi in una cerchia di cime degradanti e non nei modi consensuali e adorabili di degrado che sono stati attentamente negoziati.


6. Si ritirano o fanno muro quando le cose non vanno per il verso giusto e dicono che hanno solo bisogno di spazio?


In pratica ti stai insegnando a non sollevare mai problemi difficili perché sei ricompensato dalla vicinanza quando non sollevi nulla e abbandonato alla tua confusione e dolore quando lo fai? Non torni mai indietro ai problemi difficili: non c'è abbastanza spazio nel mondo?


7. Esistono prove costanti di "lealtà"?


Gli abusatori contano sul tuo isolamento. Se sei "leale", tutti i tuoi disaccordi sono "privati" - non ne parli con i tuoi amici. Lealtà significa che non li chiamerai mai alla loro abusività perché sono una (scegli quella che si applica) una sopravvissuta, una persona di genere, bersaglio di violenza poliziesca, bersaglio di bullismo, disabile, attivista femminista, "bersaglio" a causa della ricchezza, una persona che vive in povertà, "alleato" bianco per la giustizia razziale, comunista, radicale, persona religiosa (scrivi qui la cosa della tua persona) __________.

Lealtà significa che non metterai in discussione la loro genitorialità, le loro spese per le risorse familiari o come trascorrono il loro tempo. Lealtà significa che non esprimerai paura della loro guida. Lealtà significa silenzio.


8. Mentono?


A loro stessi? Agli altri? Quindi puoi contare sul fatto che ti stanno mentendo.

Quando vengono smascherati in una bugia, lo trasformano in un atto d'accusa: il tuo bisogno, il tuo "ficcanasare" nei loro affari, la tua mancanza di confini, la tua bassa autostima? Ti fanno il muro di pietra e ti puniscono per averli catturati nelle bugie? Come diceva Adrienne Rich negli anni '70, essere mentito da qualcuno che amiamo ci rende un po 'pazzi. Nel tempo, ci fa mettere in discussione e perdere la fiducia in noi stessi.


Meriti di più!


La mia buona amica Shannon Perez-Darby (vedi il suo saggio "La gioia segreta della responsabilità" in La rivoluzione inizia a casa: affrontare la violenza intima all'interno delle comunità di attivisti ) afferma che se potesse offrire solo un suggerimento come veterana di quindici anni il movimento per porre fine alla violenza domestica, sarebbe questo: sostenere le tue amicizie.

Qualsiasi partner, in qualsiasi comunità, che trova i tuoi amici problematici, non abbastanza politici, non esperti di BDSM, non è divertente restare con te - è un pericolo per te. Periodo.

Shannon nota che anche le amicizie casuali sono meglio di niente e che le amicizie strette possono salvare la vita. Il punto è rimanere in contatto.

Sono incredibilmente fortunato ad avere amici fantastici che si sono tutti preoccupati per me quando ero con il Grande Dominante. Si preoccupavano di quanto poco vedessero di me e che alcuni dei miei valori chiave sembravano diminuire. Sono apparso perplesso e dolorante per la maggior parte del tempo, nonostante abbia riportato una grande gioia. La mia salute ha sofferto, la mia carriera ha sofferto. I miei amici mi hanno rispecchiato pazientemente queste verità, hanno pregato i loro vari dei e dee e sono rimasti lì dentro attraverso molte conversazioni circolari e infine disperate.

Alla fine ne sono uscito. Spero che lo faccia anche tu, se necessario. Non importa che tu abbia il Dom più grande, il Bottom Sauciest, l'interruttore più esperto nella tua comunità. Non importa che tu sia in una "coppia di potere" che tutti ammirano. Se non puoi essere te stesso, se è impossibile sollevare e risolvere problemi seri nella relazione, se stai perdendo le tue amicizie, hai perso la strada (quando è stata l'ultima volta che hai riso davvero?) E stai leggendo quei segni di elenchi di abusi ossessivamente, questo articolo non è solo per te, riguarda te. E ti meriti molto meglio. Onestamente. Ora datti da fare.


Dr. Jaime M. Grant

La dott.ssa Jaime M. Grant è una ricercatrice ed educatrice di giustizia sociale femminista lesbica che è stata attiva nel LGBTQ, i movimenti per la giustizia femminile e razziale fin dai primi anni '90. Il suo workshop sulla liberazione sessuale, Desire Mapping, è stato prodotto nei campus dei college e alle conferenze LGBTQ e sui diritti umani in tutto il mondo. Il suo podcast basato sul workshop, Just Sex: Mapping Your Desire, cattura le storie di sesso quotidiane raccontate dai Desire Mapper da Pechino a Città del Capo, da Dallas a Denver a Washington. La ricerca accademica di Grant è apparsa in: The Harvard LGBTQ Policy Journal; The Reader's Companion to US Women's History e in SIGNS, il Journal of Culture and Society; e il National Women's Studies Association Journal. La sua scrittura autobiografica è apparsa in antologie popolari tra cui The Femme Mystique di Leslea Newman e la collezione di Rachel Epstein sulla genitorialità queer, Who's Your Daddy? Nel 2011 è stata l'investigatrice principale per il National Transgender Discrimination Study, Injustice at Every Turn. Attualmente, i suoi articoli su razza, genere e sessualità appaiono in The Body is Not an Apology, Medium, The LA Blade, Everyday Feminism, e The Huffington Post.Per ascoltare e sostenere il podcast del Dr. Grant, vai su justsexpodcast.com.
MOSTRA DI PIÙ ...
0 Commenti
  • Anonimo