Inscriviti adesso gratuitamente

Alcune persone davvero non provano gelosia

SDC Dr Eli Sheff Poliamoria Gelosia Terapia delle relazioni aperte Salute mentale
SDC Dr Eli Sheff Poliamoria Gelosia Terapia delle relazioni aperte Salute mentale
Fino a quando lo fanno.

Negli oltre 20 anni in cui ho studiato relazioni le poliamorose, ho incontrato numerose persone che mi hanno riferito in interviste di non provare gelosia. Inizialmente piuttosto scettico sul fatto che queste persone non provassero assolutamente alcuna gelosia, avrei prestato particolare attenzione a loro in ambienti pubblici per osservare come avrebbero interagito con il loro amante e il metamour (il partner del partner). Mentre alcuni di loro si comporterebbero in modo possessivo da osservatore, altri sembrerebbero avere atteggiamenti completamente impercettibili in situazioni che molto probabilmente avrebbero incoraggiato la gelosia in una situazione non poliamorosa - o persino nella maggior parte delle persone poliamorose.

Uno dei vantaggi di uno studio longitudinale è che, poiché posso rimanere in contatto con persone che cambiano nel corso degli anni, posso seguire le loro idee in evoluzione. Quando si tratta di gelosia, le esperienze delle persone tendono a cambiare nel tempo. La maggior parte degli intervistati in felici relazioni poliamorose ha riferito che i loro sentimenti di gelosia tendevano a scemare nel corso degli anni, tranne quando sono comparse nuove persone o situazioni che hanno provocato nuovi stimoli di gelosia.


Nessuna gelosia?


Nel mio studio di oltre 20 anni su famiglie poliamorose con bambini, alcuni dei miei intervistati hanno riferito di non provare gelosia. In generale, questi intervistati hanno anche riferito che il poliamore, o il desiderio di partner multipli, era un elemento centrale del loro orientamento relazionale e/o sessuale. Molti di loro hanno affermato di essere in grado di relazionarsi con l'idea della gelosia, ma non hanno capito l'esperienza viscerale, perché non erano "cablati in quel modo".


Quindi è così che si sente


Mentre ho intervistato nuovamente le persone per la mia attuale quarta ondata di raccolta di dati, ho notato una tendenza negli intervistati che in precedenza si ritenevano immuni alla gelosia: ora ammettono di aver incontrato una persona o una situazione che ha scatenato i propri sentimenti di gelosia. Una risposta comune per questi individui poliamorosi è avere gran parte dei loro pensieri coscienti assorbiti dalla gelosia del momento, ma una parte del loro cervello nota l'esperienza e pensa: Oh, ecco come si sente la gelosia. Ora capisco! Una volta che hanno provato il dolore lancinante della gelosia, molte di queste persone precedentemente non gelose hanno espresso una nuova o più profonda simpatia per i loro attuali ed ex partner per cui avevano lottato con le loro emozioni.


Gelosia inevitabile?


Tutto ciò mi indica che mentre le persone provano gelosia a diversi livelli e in risposta a stimoli diversi, ognuno ha la capacità di gelosia. Ci sono diverse circostanze che potrebbero rendere geloso chiunque, anche se alcune persone hanno la fortuna di avere pochi inneschi di gelosia e di non incontrarli molto spesso. Pochissimi riescono a superare la vita senza mai incontrare un innesco di gelosia, ma la stragrande maggioranza degli umani dovrà affrontare la gelosia a un certo punto della loro vita, indipendentemente dal fatto che siano in una relazione consensuale non monogama (CNM).


Scendere a patti con la gelosia


Quindi, se la gelosia è inevitabile per gli esseri umani, e la non-monogamia consensuale la innesca in modo istantaneo, che cosa deve fare una persona poliamorosa? Nella mia ricerca, la soppressione non sembra funzionare. La gelosia può essere un'emozione così intensa che sopprimerla è generalmente inefficace. La gelosia spesso emerge in altri modi, ma in realtà non scompare. Piuttosto, trattare direttamente con la gelosia sembra essere una strategia molto più efficace, anche se potenzialmente terrificante. Kitty Chambliss ha scritto The Jealousy Survival Guide (2017). un libro progettato per aiutare le persone coinvolte in relazioni consensualmente non-monogame a gestire la propria gelosia. Chambliss, che riferisce di avere a che fare con la gelosia e che lavora per dominarla nel tempo, raccomanda ai suoi clienti di coaching di imparare a "orientarsi verso il disagio emotivo con la curiosità". i clienti possono usare, tra cui defusione, compassione, impegno nei confronti dei valori personali fondamentali e comunicazione.


Dr. Elisabeth "Eli" Sheff

La dott.ssa Elisabeth “Eli” Sheff è ricercatrice, testimone esperto, coach, relatore e consulente educativo. Con un dottorato in sociologia e certificazione come educatore della sessualità presso l'AASECT (American Association of Sexuality Educators, Counselors and Therapists), il dott. Sheff è specializzato in famiglie di genere e minoranze sessuali, non monogamia consensuale e kink / BDSM. Sheff è la maggiore esperta accademica di famiglie poliamorose con bambini e il suo studio sulla famiglia poliamorosa di oltre 20 anni è l'unico studio longitudinale di polifamiglie con bambini fino ad oggi. Il primo libro di Sheff, The Polyamorists Next Door (2014 con copertina rigida ed ebook, 2015 con copertina rigida e audiolibro), descrive in dettaglio i risultati dei primi 15 anni della sua ricerca sulle famiglie poliamorose con bambini. Il suo secondo libro, Stories from the Polycule (2015), è un'antologia a cura di scritti di gente poliamorosa. When Someone You Love is Polyamorous (2016) è il libro più breve di Sheff che guida i familiari e altri significativi che stanno cercando di capire una persona amata poliamorosa.
MOSTRA DI PIÙ ...
0 Commenti
  • Anonimo